giovedì 18 agosto 2016

Tutta la torinesità, da Aosta a Messina



Torino rimane, insieme a Roma e Firenze, una delle mete privilegiate delle nostre escursioni ricreativo-culturali. Ha una quantità strepitosa di capolavori ancora troppo sconosciuti e sottovalutati, anche se negli ultimi anni il turismo è diventato una presenza importante. Perfino un retorico monumento militare come quello al Duca d'Aosta (prima foto) riesce interessante per il "format" insolito, ossia esteso in orizzontale (qui si vede solo un pezzo), il realismo della ricostruzione delle uniformi della Prima guerra mondiale e le espressioni non forzatamente eroiche dei soldati.

Nella seconda immagine un soffitto di Palazzo Madama, che come il suo attuale omonimo a Roma ospitava il Senato. Nel palazzo c'è un po' di tutto da ammirare: arte dal Medioevo in poi, tra cui il Ritratto d'uomo o Ritratto Trivulzio di Antonello da Messina nonché opere di Orazio Gentileschi e dei vari Ferrari piemontesi (spec. Gaudenzio), argenterie, avori, saloni d'onore e torrioni panoramici, biglietti da visita d'antan.