sabato 26 marzo 2016

La Lupadraga e Clory 8, 62-84

Sotto gli sguardi   sgomenti
della donna e   della draghessa,
per infiniti istanti   l'infame
si bloccò. Beastrix   si baloccava?
Di colpo, il colosso   cominciò
a muovere verso   le avversarie.
«Toh, toh» tentennò,   «temo
di aver minimamente   mentito.
A presiedere il Pupo   di Penisdragon
non potrà provare   altri che Penisdragon!»
Le due femmine fecero   per fiondarsi;
un secondo, e stavano   scappando
per sottrarsi allo scontro   sconcio.
Beastrix was buried   in his bosom.
Il colosso correva   per acchiappare
Clory come fosse   un coleottero;
dalla bocca sbavava   bitorzolute
lenze per legare   la Lupadraga.
Chiudeva già Clory   nelle chele
che l'altra si arrotolava   attorno
alla testa per stringere   e staccargliela.
«Fallo» la sfidò   «e finiremo tutti
arrosto a causa   dell'autodistruzione».

La Lupa (...)